spoleto 2.jpg
UMBRIA 
D'ITALIA

L'Umbria sembra uno dei capolavori creati dai suoi pittori, il Pinturicchio o il Perugino. Scorci paesaggistici e naturali unici, come le Fonti del Lituano, la cascata delle Marmore a pochi chilometri da Terni, oppure il Lago Trasimeno, che è riuscito a sorprendere anche Goethe, Stendhal e Byron per la sua bellezza.

 

Come una sorta di ombelico da cui tutto, prima o poi, passa, l’Umbria è da sempre per l’Italia luogo di incontro di storie e culture che attraverso i secoli hanno plasmato l’identità del territorio. Viaggiare in Umbria significa andare a trovare il passato là dove le sue tracce sono più evidenti

LE CITTA'

L'Umbria è ricca di città medievali incastonate tra le colline

          Perugia.

Il capoluogo dell’Umbria è un insieme perfetto di forme, colori, monumenti che si dischiudono strada per strada. Il suo centro storico, circondato da una cinta muraria, sorge su una collina in mezzo al verde e si può raggiungere dalla città bassa con gli ascensori, i minimetrò o il sistema di scale mobili che attraversano la sotterranea Rocca Paolina, costruita tra il 1540 e il 1543 per volere di papa Paolo III e per punire i perugini di essersi ribellati alla tasse sul sale.

         Orvieto.

Quando si scorge in lontananza Orvieto, sembra di vedere la continuazione naturale della collina su cui sorge. Il suo simbolo, conosciuto in tutto il mondo, è la cattedrale di Santa Maria Assunta, meglio nota come Duomo di Orvieto, capolavoro di architettura gotica dell’Italia centrale con la meravigliosa cappella di San Brizio all’interno, ricca di affreschi rinascimentali firmati dal Beato Angelico, Benozzo Gozzoli e Luca Signorelli.

           Assisi.

 

Non distante da Perugia, è il centro religioso dell’Umbria, nonché la Città della Pace. Qui vissero San Francesco (Santo patrono d’Italia) e Santa Chiara e ancora oggi la maggior parte di chi raggiunge Assisi lo fa per motivi religiosi e di devozione. Celebre la Marcia per la Pace che, dal 1961, si tiene ogni due/tre anni con partecipanti da tutto il mondo che percorrono la strada da Parigi ad Assisi.

           Spello.

 

Qui le tracce artistiche e architettoniche medievali, come le mura, convivono perfettamente con quelle dell’Impero romano, come l’anfiteatro e il teatro. Da non perdere la Chiesa di Santa Maria Maggiore: la sua Cappella Baglioni, con il pavimento maiolicato di Deruta, custodisce alcuni affreschi del Pinturicchio considerati tra i migliori dell’artista. Lo scorcio più scenografico è Porta Venere, la più imponente delle porte di accesso alla città, con le due Torri di Properzio a base dodecagonale.

          Spoleto.

 

Per le strade della città città si possono ammirare monumenti di epoca romana e medievale tra cui il Teatro, l’Arco di Druso e la Cappella Eroli, in cui sono conservati affreschi del Pinturicchio. L’evento culturale più famoso di Spoleto e il “Festival dei Due Mondi“, manifestazione internazionale di musica, arte, cultura e spettacolo che si svolge ogni anno in città, dal 1958.

CONTATTI

Newsletter

Email: info@vinumbria.com

Tel: 0039 3518804781

Metodi Pagamento

Condizioni di vendita e Resi

Cookie Policy

Per i Produttori

  • Facebook
  • Instagram
© 2020 powered by Digirain S.r.l P.IVA 14894251009